“Maestro dei martìri”
(attivo a Napoli prima metà secolo XVII)

Martirio di Santo Stefano

Olio su tela; cm 90 x 140
Prov.: Napoli, chiesa dell’Incoronata Madre del Buon Consiglio a Capodimonte, depositi

Primo martire della cristianità, Stefano fu uno dei sette diaconi consacrati dagli Apostoli, con l’imposizione delle mani, per essere aiutati nella predicazione e per provvedere alle necessità della prima comunità dei seguaci rimasti orfani del Messia. A causa di una delle sue prediche appassionate, fu condotto dinanzi agli anziani del sinedrio. Qui pronunciò un ardente discorso che, rifacendosi a tutta la storia della salvezza, dimostrava come le profezie bibliche si fossero realizzate proprio in quel Cristo che i suoi inquisitori avevano crocifisso. Fu la sua condanna a morte. Venne lapidato fuori le mura di Gerusalemme da una folla rabbiosa, tra la quale era anche il giovane Saulo, che dopo la conversione sarebbe diventato il futuro San Paolo.