Francesco Solimena
(Canale di Serino, 1657-Napoli, 1747)

San Giovanni Evangelista e il cardinale Innico Caracciolo

Olio su tela; cm 280 x 182
Prov.: Napoli, chiesa del Gesù delle Monache, già nella chiesa di San Giovanni in Porta (sino al 1864) e poi nella chiesa di Santa Patrizia (sino al 1935)

Questa tela fu dipinta per la chiesa di San Giovanni in Porta, ricostruita per volontà del cardinale Caracciolo nel 1682 (e demolita nel 1864). Il dipinto, concepito per una visione di scorcio, era di certo collocato piuttosto in alto: sulla destra, ecco la grandiosa figura di San Giovanni Evangelista; alla sua sinistra, inginocchiato, il Cardinale, mentre sullo sfondo è raffigurata tra le nubi una veduta fantastica di una città turrita, la nuova Gerusalemme dell’Apocalisse:
“…città santa, Gerusalemme, che scendeva dal cielo, da Dio, risplendente della gloria di Dio” (Ap. 21, 10). Pur danneggiato dalla presenza di un’estesa lacuna di colore il volto del cardinale, il quadro è uno dei primi esempi dell’abilità ritrattistica di Solimena.