Ignoto pittore napoletano
(secolo XVII)

Lavanda dei piedi

Olio su tela; cm 82 x 65
Napoli, chiesa dell’Incoronata Madre del Buon Consiglio, depositi

Il Giovedì Santo, durante l’Ultima Cena (solo il Vangelo di Giovanni lo racconta), Cristo lasciò la tavola, “versò dell’acqua nel catino e cominciò a lavare i piedi dei discepoli e ad asciugarli con l’asciugatoio di cui si era cinto”. Quando si inginocchiò dinanzi a Pietro, l’Apostolo (ritenendosi indegno di ricevere tale omaggio dal Messia) alzò la mano per fermarlo e impedirgli di fare ciò che riteneva un’umiliazione per Gesù, non avendo compreso fino in fondo la grandezza di quel gesto d’amore, di umiltà e di servizio. Lo schernirsi dell’imbarazzato Pietro è proprio ciò che vediamo sulla tela, dinanzi a quel gesto straordinario che ogni anno la Chiesa ripete in memoria del Figlio dell’Uomo che “non venne sulla terra per essere servito ma per servire”..